COME VIAGGIARE DA SOLI: 5 BUONI MOTIVI PER CUI DOVRESTI FARLO

Come Viaggiare da soli? Bella domanda. Sicuramente non è facile, soprattutto per chi non è abituato a farlo.

Oltre a questo, spesso in Italia si tende a guardare a chi viaggia da solo come una sorta di eremita solitario, il che non aiuta di certo a compiere questo passo. Se avessi avuto un euro per tutte le volte che qualcuno mi ha chiesto il motivo per cui viaggio da solo, oggi sarei milionario.

La realtà è che non si può spiegare cosa significhi viaggiare da soli a qualcuno che non lo ha mai provato nella vita.

E’ un pò come provare a spiegare un colore a un non vedente, provate a spiegare l’azzurro a chi non l’ha mai visto.

Perché viaggio da solo? Ci sono molteplici ragioni.

Prima dei 28 anni avevo una concezione completamente diversa del viaggio.

Pensavo che viaggiare fosse solo andare in vacanza con amici e fidanzata al seguito, per rilassarmi in qualche spiaggia.

Poi però partii per un viaggio in Australia e in Asia che cambiò completamente il mio modo di intendere il viaggio.

Girando l’Asia scoprii il bello dell’esplorare, scoprire e soprattutto la bellezza del camminare.

Imparai a viaggiare lentamente, riappropriandomi del mio tempo.

Sentii per la prima volta nella mia vita la sensazione di possedere realmente il mio tempo, e non che che il tempo possedesse me.

Quante volte, quando andiamo in ferie, abbiamo quella sensazione di ansia nel vedere che da lì a 2 settimane si dovrà ritornare a lavoro?

Tutto questo, mi ha portato ad apprezzare enormemente il valore dello stare da soli in viaggio.

Probabilmente uno dei motivi che blocca tante persone dal capire come viaggiare da soli è anche la paura della solitudine, e la paura di rimanere in balia dei propri pensieri.

Il pensare non è percepito da tutti come un valore, ma spesso viene visto come un disagio.

 

Come Viaggiare da soli: i vantaggi

 

DAI SPAZIO AI TUOI PENSIERI

Sebbene la società odierna abbia impostato la maggior parte dei suoi contenuti al fine di renderci individui non pensanti ( e devo dire che è riuscita perfettamente nel suo intento ), il viaggiare da soli permette di liberare la propria mente e ritrovare la bellezza del pensare.

Non siamo fatti per restare seduti su un divano con un pacco di patatine in una mano e il telecomando nell’altra, a guardare Barbara d’Urso o Ciao Darwin e lasciare il cervello in uno stato di atrofizzazione eterna.

Viaggiare da soli ci da la possibilità di pensare a noi, alla nostra vita, ai nostri affetti e ci aiuta a capire se quello che ci circonda è ciò che fa per noi oppure no.

come viaggiare da soli

 

GUARDA DENTRO TE STESSO

Approfitta del silenzio per fare un pò di introspezione nella tua vita.

Sono davvero poche le occasioni in cui possiamo meditare, pensare su ciò che avviene dentro di noi.

Siamo costantemente bombardati da segnali che portano a distrarci, dalle notifiche del telefono, le chiamate, il lavoro e le responsabilità, non riusciamo più a capire la persona più importante della nostra vita, noi.

Viaggiare da soli ci porta proprio li, a riappropriarsi del proprio universo.

 

IMPARA A SOCIALIZZARE

I social network ci hanno unito dal punto di vista digitale ma ci hanno allontanato dal punto di vista umano.

Le persone non sono più in grado di approcciarsi l’uno con l’altra senza che ci sia un contatto in comune a fare da pilastro portante.

Le relazioni nel 2019 si costruiscono tramite Tinder, applicazioni inventate per riempire le lacune sociali delle nostre generazioni.

Ma questa regola non vale quando si impara a viaggiare da soli.

Amo gli ostelli perché sono ancora uno di quei posti incontaminati dalla pazzia digitale.

Li non esistono preconcetti, se vuoi parlare con qualcuno ci parli e basta.

In ostello non è possibile non conoscere gente, a meno che tu non lo voglia.

Quindi, se viaggi da solo e alloggi in ostello, dipende tutto da te.

viaggiare da soli

 

FAI QUELLO CHE VUOI QUANDO VUOI

Non ti è mai capitato in un viaggio con amici o fidanzata di essere in disaccordo su quello che si vuole fare?

Sicuramente si.

Sembrerà una cavolata ma fare quello che si vuole quando si vuole è semplicemente fantastico.

Puoi decidere a che ora svegliarti, programmare la tua giornata in base a quello che ti piace fare, dove mangiare e quando mangiare.

Quando si viaggia con amici o partner ci si deve mettere d’accordo e non sempre si riesce a farlo.

Girovagare da soli significa anche poter fare quello che vuoi quando vuoi.

 

SVILUPPA LE TUE DOTI ORGANIZZATIVE

Non essendoci nessuno con te a dirti quello che devi fare e quando lo devi fare, devi contare solo su te stesso.

Orari, mezzi di trasporto, check in e check out devono essere gestiti solo da te.

Questo spaventa molte persone, ma se si superano i primi ostacoli ci si rende conto che si diventa molto più responsabili e organizzati.

” Capire come viaggiare da soli è una scuola di vita. “

Pensaci..

Saresti in grado di affrontare un viaggio intercontinentale completamente in solitaria?

Andare all’aeroporto, trovare il gate giusto, arrivare a destinazione e andare al tuo alloggio completamente da solo?

Ti assicuro che in molti andrebbero in panico.

Io l’ho fatto varie volte e dopo diversi errori, posso affermare di avere ormai sviluppato alcune abilità organizzative che non tutti possiedono.

 

Come viaggiare in solitaria: gli svantaggi

 

LA SOLITUDINE

Non voglio essere uno di quelli che elogia a gran voce il viaggio in solitaria.

A mio parere esistono anche degli svantaggi, tra cui la gestione della solitudine.

Diciamoci la verità, anche i più accaniti amanti della solitudine ad un certo punto vogliono avere un pò di compagnia.

Io personalmente amo restare solo durante il giorno mentre visito le città ed esploro i territori, ma la sera mentre mangio o bevo una birra mi piace avere qualcuno con cui conversare.

In ostello si riesce ad eludere questo problema in quanto se si vuole stare in compagnia lo si può fare.

Imparare a gestire la solitudine è il primo passo per imparare a conviverci.

 

LA FELICITA’ E’ REALE SOLO SE CONDIVISA

Ho ripreso questa frase dal celebre film “Into the Wild” per dire che, effettivamente, quando si condivide un paesaggio mozzafiato con accanto qualcuno che si ama ha tutto un altro sapore.

Imparare l’arte di come viaggiare da soli è un compromesso, e tra questi c’è anche il fatto di dover ammirare cose straordinarie in completa solitudine ( il più delle volte ).

Questo non è necessariamente una cosa negativa, ma è una cosa che si deve imparare a gestire.

Apprezzare un paesaggio in solitaria è un passo importante per imparare a viaggiare nel mondo da soli.

 

Con questo è tutto.

Il viaggio in solitaria rimane comunque un ottimo modo per crescere, misurarsi e imparare a vivere.

 

Un abbraccio

 

Nicolas

 

Ti ricordo come sempre di iscriverti ai miei canali:

Youtube

Twitter

Facebook

Instagram

Se vuoi ascoltare le interviste che faccio alle persone che hanno cambiato vita puoi ascoltarle su Spreaker o Spotify

 

Vuoi imparare a viaggiare praticamente gratis ?

Scarica la guida gratuita che ti spiega come risparmiare fino all’80% sui tuoi viaggi.

come risparmiare sui viaggi

Ti è piaciuto l’articolo ?

Condividilo su :


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *