Il cambiamento fa paura ma a volte è necessario per raggiungere la felicità


Perché il cambiamento ci spaventa?

Viviamo in una società in cui si associa un coefficiente negativo al termine “cambiamento”.

Cambiare abbonamento telefonico, cambiare compagno/a, cambiare casa, cambiare lavoro, cambiare auto.

Capire e agire su come cambiare qualcosa nella propria vita richiede fatica, per questo le persone non amano farlo.

E così, piuttosto, si rimane aggrappati alle abitudini , e non le si lascia andare, le si abbraccia, le si coccola, finché non ci si rende conto che sono proprio quelle abitudini a possederci.

Il lavoro che non abbiamo il coraggio di cambiare, la casa che non vogliamo vendere, il fidanzato che non vogliamo lasciare.

Molto meglio rimanere aggrappati alla propria zona di comfort e farci piano piano divorare dalla paura del cambiamento.

La soluzione all’enigma del cambiare vita è diverso per ciascuno di noi, ma grazie alle numerose interviste ai nomadi digitali è possibile capire una cosa tanto vera quanto banale: Cambiare un elemento nella propria vita è fattibile, se lo si vuole davvero.

 

[wp_ad_camp_1]

 

Cambiare significa comprendere te stesso

Voglio fare una piccola premessa: cambiare non significa a tutti i costi trasferirsi dall’altra parte del mondo oppure fare il giro dell’Asia su un monopattino.

Come dicevo prima, il concetto del cambiamento può essere inteso in modi diversi, e per qualcuno può essere andare a vivere dall’altra parte del mondo, e per qualcun’altro può significare adottare un cane.

Detto questo, una delle cose fondamentali da fare è comprendere se stessi.

Sembra una banalità, ma è una cosa che in pochi sanno fare, ma che è la chiave per fare partire un effetto domino che porta al cambiamento, e perché no, anche alla tua felicità.

Ok nico, ma cosa significa comprendere se stessi?

Significa comprendere ciò che ami fare realmente. E bada bene che non ho usato la parola “realmente” a caso.

Spesso siamo condizionati dalla società, dalla famiglia e dagli amici finendo per pensare di amare fare qualcosa, di cui in realtà, nel profondo, non ci importa nulla.

Nel 2009 è stata svolta un’indagine anonima su un campione di 1000 studenti di una facoltà di Giurisprudenza negli USA, e più del 50% di essi ammettevano di aver scelto quella facoltà per conformità sociale, ma in realtà fingevano di amare quegli studi.

Viviamo circondati da pura finzione e capire cosa amiamo davvero è molto difficile.

Le persone mentono agli altri e ancor prima a se stesse.

Ne parlavo anche qui, dove spiegavo la differenza fra amare qualcosa e farselo piacere.

 

Convergi tutto verso ciò che ami

Una volta che avrai capito cosa ami fare, dovrai essere disposto a convergere tutto verso quella direzione.

Non ti nascondo che questo sarà uno dei passi più difficili da compiere.

Secondo uno studio, la maggior parte delle nostre azioni quotidiane sono dettate da abitudini. ( Leggi il potere delle abitudini ).

Facciamo tantissime cose durante l’arco della giornata in cui non utilizziamo attivamente il cervello, dal momento in cui prepariamo la colazione a quando torniamo a dormire la sera.

Per riuscire a cambiare, dovrai sradicare tutte quelle abitudini che influiscono negativamente sul tuo percorso.

Giusto per citare un esempio, una delle abitudini più radicate nella nostra società è legata al consumismo sfrenato.

Lavoriamo tantissimo, e senza accorgercene sfoghiamo le nostre frustrazioni nello shopping.

Non ti è mai capitato di comprare qualcosa di cui in realtà non avevi alcun bisogno?

Inizialmente nasce come un passatempo, ma poi diventa un’azione frequente e si trasforma in un’abitudine.

Si comprano cose per giustificare il fatto di aver perso tempo facendo qualcosa che non amiamo, e questo ci fa sentire bene, ma solo nel breve periodo, poi ricominciamo da capo ( parlo di questo circolo vizioso nell’articolo sul millennials. ).

come cambiare stile di vita

 

Viaggiare aiuta l’introspezione

Viaggiare aiuta a capire e capirsi ed è un ottimo modo per comprendere se stessi e ciò che amiamo.

A me successe durante il mio viaggio in Asia; partii pensando di creare il mio viaggio, e invece fu il viaggio a creare me.

Quel cammino fece emergere alcune domande scomode a cui dovetti rispondere, mi costrinse a mettere in dubbio il mio stile di vita e mi fece comprendere che forma avesse la mia felicità.

Staccare per un periodo, lasciarsi tutto alle spalle e partire può essere un vero toccasana.

La vita quotidiana e la routine all’interno della nostra società finisce per anestetizzare la nostra mente, fino al punto in cui non capiamo più cosa amiamo e cosa non amiamo.

La famosa frase di Coelho ha qualcosa di profondamente vero:

Se pensi che l’avventura sia pericolosa, prova la routine, è letale.

La routine, al contrario dell’avventura, non è pericolosa per la tua salute fisica, ma mentale.

La routine ci affonda all’interno della nostra comfort zone, e giorno dopo giorno ci fa scivolare sempre più in basso fino al punto in cui uscirne diventa impossibile.

Viaggiare è come liberarsi da queste catene.

Nutre l’animo, arricchisce la mente e aiuta a ritrovare la propria coscienza.

 

Libri consigliati per il cambiamento: ” La sottile arte di fare quello che c*** che ti pare

 

Circondati di persone con il tuo stesso mindset

Vuoi fare un favore a te stesso? Allontanati immediatamente da tutte quelle persone che influiscono negativamente sul tuo modo di pensare.

Spesso quelli da cui dobbiamo allontanarci sono amici di una vita fa, o addirittura famigliari.

Ma ti assicuro che non esiste peggior ostacolo di una persona al tuo fianco che ti influenza ad andare dalla parte opposta della direzione dei tuoi sogni.

Tieni presente una cosa: la gente spesso dà consigli basandosi sulla propria vita e sulla propria esperienza, non sulla tua.

Non sto dicendo che non devi ascoltare i consigli degli altri, ma cerca di ascoltare quelli che derivano da individui con la tua stessa mentalità.

Se sognassi di diventare nomade digitale, chiederesti mai un consiglio a chi ama il lavoro tradizionale nine-to-five? che tipo di consiglio speri di ottenere?

Distaccati da certi preconcetti.

Se hai capito che ami il tennis, non ti circondare di persone che amano il calcio, altrimenti finirai per pensare che sei tu quello sbagliato.

 

Quindi…..

La bacchetta magica per poter cambiare non ce l’ha nessuno.

Tocca a te, giorno dopo giorno, stringere tra le mani quel sogno e portarlo avanti.

Viviamo in una società in cui chi decide di percorrere le strade alternative piuttosto che la via maestra non è visto di buon occhio.

Ma d’altronde, non dicono che la felicità si trova solamente se si ha il coraggio di perdersi?

 

Un abbraccio

 

Nico

 

Vuoi conoscere i segreti dei Travel Blogger ?

Scarica la guida gratuita su come ottimizzare e risparmiare sui tuoi viaggi.


come risparmiare sui viaggi

 

[wp_ad_camp_1]


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here